My Prince Edward

My Prince Edward
t.l. Il mio Principe Edward
金都 (Gam Dou)

Hong Kong, 2019, 93’, Cantonese
Directed by: Norris Wong
Script: Norris Wong
Photography (color): Alfred Pong
Editing: Peter Chung
Art Direction: Billy Li
Music: Eman Lam
Producers: Chan Hing-kai, O Sing-pui
Cast: Stephy Tang (Cheung Lei-fong), Chu Pak-hong (Edward Yan), Nina Paw (Mrs Yan), Jin Kaijie (Yang Shuwei), Eman Lam (Yee), Hui So-ying (Mrs Chan), Kaki Shum (Keung), Yem Yuen (Mabel), Kenneth Bi (landlord), Cecilia Wang (Xiaomei)

Date of First Release in Territory: November 17th, 2019 
Premiere status: European Premiere


Un dramma relazionale non convenzionale, una commedia leggera e un approccio delicato a temi sociali sono confezionati in modo intrigante in My Prince Edward di Norris Wong, una delle opere prime più solide del cinema di Hong Kong degli ultimi anni.

La storia è ambientata nel frequentatissimo quartiere Prince Edward, in cui le coppie di fidanzati di Hong Kong si rivolgono al centro commerciale in Golden Plaza per soddisfare tutte le loro esigenze legate al matrimonio: dal noleggio di abiti e di automobili al servizio fotografico e altro ancora. Fong (Stephy Tang) e lo svogliato fidanzato Edward (Chu Pak-hong) oltre a lavorare entrambi nel centro commerciale vivono in un appartamentino sopra di esso, ma tra loro le cose non vanno molto bene.  
Edward è possessivo, è incline a fare il mammone, e ci ha messo un bel po’ prima di dichiararsi a Fong. Quando finalmente le ha chiesto di sposarlo è emerso un grosso problema: dieci anni prima, per denaro, Fong aveva contratto segretamente un matrimonio fasullo con un uomo della Cina continentale.

La ragazza si rende conto non solo di essere ancora sposata, ma che deve essere classificata come divorziata su qualsiasi futuro certificato di matrimonio. Alla fine il falso marito di Fong, Yang Shuwei (Jin Kaijie), fa la sua comparsa, ma separarsi da lui senza troppo clamore non è così semplice. L’interminabile processo da lui avviato per ottenere il permesso di soggiorno a Hong Kong – tanto per cominciare, la vera ragione del suo matrimonio con Fong – non è ancora concluso e le cose rischierebbero di diventare terribilmente complicate se Edward lo scoprisse.  

La premessa di My Prince Edward è una novità, e Norris Wong lascia che la sceneggiatura si sviluppi con un approccio piacevolmente rilassato in cui le tensioni domestiche, l’umorismo e il sapore prettamente locale sono abilmente bilanciati. Edward offre l’occasione per qualche facile risata ma ha anche un lato più inquietante, mentre è soprattutto su Fong che ricade la maggior parte del materiale relazionale più pesante. L’entrata in scena del maritino Yang Shuwei poi mette in campo il tema dei legami tra Hong Kong e Cina, ravvivando la storia con scambi di battute su libertà e sogni e riflettendo elementi della diffidenza transfrontaliera. Yang in particolare emerge come una figura moderna, libera e mondana, in netto contrasto con il modo in cui Fong e Edward si sono trascinati nella loro nicchia all’interno della città. Alla fine, Wong fa uscire Fong dalla sua bolla e le apre gli occhi, dando così maggiore respiro alla storia, quando Fong affronta la sua situazione e mette in discussione il matrimonio stesso.

Nel ruolo di Fong che da una deriva passiva intraprende la ricerca della propria strada, l’attrice Stephy Tang arricchisce il suo curriculum di un’altra interpretazione convincente; My Prince Edward si aggiunge alla serie di produzioni di qualità grazie alle quali Tang si è contraddistinta negli ultimi anni come una delle protagoniste principali delle produzioni hongkonghesi più piccole e focalizzate sul territorio. 

Anche il lavoro attoriale di Chu Pak-hong e Jin Kaijie, che interpretano gli uomini della sua vita, è altrettanto convincente e nella vasta gamma di attori secondari figurano i veterani Nina Paw e Hui So-ying. Sfortunatamente, le buone interpretazioni di My Prince Edward e gli altri motivi di interesse del film non sono riusciti a catturare tutto il pubblico previsto all’inizio dell’anno, quando la crisi del coronavirus ha costretto le sale cinematografiche a chiudere, prima della distribuzione generale del film. Ma il numero impressionante di otto candidature agli Hong Kong Film Awards in maggio – dove ha portato a casa due premi, tra cui quello come miglior regista esordiente – ha permesso a My Prince Edward di suscitare l’attenzione del pubblico affamato di cinema della sua città.  


Norris Wong ha conseguito il Master of Fine Arts in produzione cinematografica presso la Baptist University di Hong Kong. Ha pubblicato romanzi e una raccolta di saggi ed è stata paroliera di Warner Music, oltre a essere sceneggiatrice e regista di cortometraggi e programmi televisivi. Il suo cortometraggio Fall, che ha partecipato a Fresh Wave, è stato presentato a Udine nel 2014. Wong ha debuttato nel lungometraggio con My Prince Edward (2019), che ha ottenuto il finanziamento per la produzione nell’ambito della First Feature Film Initiative.

FILMOGRAFIA 
2019 – My Prince Edward
Tim Youngs
Regia: Norris Wong
Anno: 2019
Durata: 93'
Stato: Hong Kong
28/06 - 21:00
Far East Film Festival Online
28-06-2020 21:00 28-06-2020 22:32Europe/Rome My Prince Edward Far East Film Festival Far East Film Festival OnlineCEC Udine cec@cecudine.org
Disponibile solo in Italia solamente nella data e ora indicate

Photogallery