Time Still Turns the Pages

European Premiere | In Competition | White Mulberry Award Candidate

 

Guest star:
Nick CHEUK, director
LO Chun Yip, actor

 

Di norma, nessuno si sarebbe aspettato che un dramma cupo sul suicidio e la depressione tra gli studenti diventasse il secondo film locale di maggior incasso dell’anno ad Hong Kong. Nel bene o nel male, il successo del passaparola per Time Still Turns the Pages dimostra quanto i temi del film siano sentiti e significativi per gli hongkonghesi .

Forse sarebbe stato più confortante se lo sceneggiatore-regista Nick Cheuk avesse incentrato gli eventi di Time Still Turns the Pages su una singola persona. Sfortunatamente, Cheuk ha dichiarato che, oltre ad essersi ispirato alla vicenda di un amico defunto, durante le sue ricerche ha sentito storie anche peggiori riguardanti la severità dei genitori .

Molti di coloro che sono passati attraverso il sistema educativo di Hong Kong probabilmente hanno sperimentato una qualche versione degli eventi narrati nel film o conoscono qualcuno che l’ha fatto.

Crescere all’interno del sistema educativo tradizionale di Hong Kong è un po’ una prova del fuoco per molti, ma gli va attribuito qualcosa in più del ridicolo stereotipo occidentale dei “genitori tigre” asiatici. Vivere in una città sovrappopolata come Hong Kong significa che per ottenere qualsiasi cosa, anche un posto in una scuola dalla buona reputazione, c’è una grossa competizione. Questo sistema schiera i bambini l’uno contro l’altro per tutta la loro carriera scolastica, inserendoli in classifiche che dovrebbero rappresentare le loro attitudini accademiche. Ciò costringe i genitori a confrontare costantemente i propri figli con gli altri. Ad esempio, l’incidente scolastico più increscioso della mia vita è avvenuto quando avevo otto anni e dal terzo posto nella classifica della mia classe mi sono ritrovato al 16° posto nel semestre successivo.

Per intere generazioni i bambini di Hong Kong si sono lamentati di dover portare zaini pesantissimi pieni di libri e di avere troppi compiti da fare. Inoltre, lo stigma sociale nei confronti del malessere mentale fa si che gli studenti non abbiano nessuna valvola di sfogo per la frustrazione. Non è raro che i genitori che possono permetterselo mandino i loro figli all’estero per evitare questo ambiente ad alta pressione – e ovviamente, avere anni di studio all’estero nel curriculum è un elemento che può essere utilizzato successivamente per battere la concorrenza.

Ambientato in una tipica scuola secondaria di Hong Kong, Time Still Turns the Pages inizia con l’insegnante Mr. Cheng che, a scuola, trova una lettera, gettata via, che annuncia un suicidio. Mentre cerca l’autore della lettera tra i suoi studenti, molti dei quali subiscono diversi tipi di pressione nelle loro vite, si imbatte in un vecchio diario pieno di note su cosa significhi crescere con genitori borghesi oppressivi e con le loro implacabili richieste di perfezione.

Per molti spettatori Time Still Turns the Pages può essere un’esperienza straziante: è stata una delle poche volte in cui ho visto il pubblico di Hong Kong rimanere seduto in sala durante i titoli di coda. Tuttavia, il modo in cui Cheuk affronta l’evento traumatico e il tema della salute mentale è delicato, sensibile e intimo. Il risultato è un film struggente ed empatico che riesce a non essere eccessivamente didascalico. Nonostante il tema angosciante, la storia si conclude su una nota di speranza e dice a coloro che ne hanno bisogno che non sono soli nella loro sofferenza.

Ci si potrebbe chiedere perché un film che esprime cosi tanta empatia verso i giovani non offra la stessa comprensione verso gli adulti. Ma, come ripete più volte il film, i giovani di Hong Kong trascorrono tutta la loro vita ad ascoltare ciò che vogliono gli adulti.

Senza voler essere un docudrama che tenta di spiegare entrambe le posizioni, Time Still Turns the Pages afferma, nel modo più gentile possibile, che è il momento di cominciare a pensare a ciò di cui i giovani di Hong Kong hanno davvero bisogno per superare la crudele sfida emotiva dell’adolescenza. Per chi ha a cuore i giovani, Time Still Turns the Pages è un’esperienza catartica.

Maria Barbieri
Regia: Nick CHEUK
Anno: 2023
Durata: 95'
Stato: Hong Kong
25/04 - 19:30
Teatro Nuovo Giovanni da Udine
25-04-2024 19:30 25-04-2024 21:05Europe/Rome Time Still Turns the Pages Far East Film Festival Teatro Nuovo Giovanni da UdineCEC Udine cec@cecudine.org

Photogallery